Ripresa attività in presenza, docenti e alunni "fragili"

In previsione della ripresa delle attività in presenza, si ricorda che l'attuale normativa prevede, per i docenti, la dichiarazione della condizione di fragilità in presenza di certificazione attestante

1) rischio derivante da immunodepressione;

2) esiti di patologie oncologiche;

3) svolgimento di terapie salvavita;

4) possessori di L. 104 art. 3 comma3 (connotazione di gravità);

Per i docenti che si trovino in tali condizioni è previsto che la scuola garantisca lo svolgimento dell'attività lavorativa in modalità agile, cioè attraverso didattica a distanza. Qualora la scuola non sia in grado di garantire lo svolgimento dell'attività a distanza e il docente non possa essere adibito ad altre mansioni, l'interessato può chiedere al medico curante l'emissione di una certificazione che attesti il suo stato, per essere equiparato a malato ospedalizzato e fruire quindi di assenza per malattia senza decurtazione dello stipendio.

Per i Docenti già in possesso di dichiarazione di fragilità del medico competente la condizione viene prorogata automaticamente fino al perdurare dello stato di emergenza. Coloro che ritengano di aver maturato tale condizione recentemente, possono avviarne il riconoscimento chiedendo al dirigente Scolastico di attivare le pratiche in tal senso.

 

Analogamente, gli alunni in condizione di fragilità (affetti cioè da gravi e comprovate patologie) possono chiedere di fruire dell'insegnamento in dad. In tal caso i Genitori indirizzeranno la richiesta, accompagnata da certificazione medica comprovante la patologia, all'indirizzo mail del Dirigente scolastico (francescofuschillo2020@gmail.com) o consegneranno a mano in busta chiusa, in segreteria, la documentazione, apponendo la dicitura "Al Dirigente scolastico. Riservata personale", per tutela della privacy